Punti di vista, 4 dicembre 2017

La rubrica sullo sport sardo a cura di Fabio Frongia

Le immagini presenti su www.fotocronache.it sono in vendita per l'uso editoriale di organi e agenzie di stampa: maggiori informazioni a questo link.
Le immagini sono altresì in vendita per uso privato a questo link su www.afoto.it.

Un Cagliari pimpante e volitivo, pericoloso (per il Bologna) ma non perfetto, torna in Sardegna con un punto che alla fine dei conti val bene un sorriso sulla strada della salvezza tranquilla, obiettivo dei sardi come di molte altre realtà della fascia centrale della Serie A. Prima della partenza per la terra felsinea l’obiettivo era tornare a far punti dopo due sconfitte molto diverse, e il punticino è arrivato, anche se il modus lascia un po’ di amaro in bocca. Perché, se è vero che Destro e soci hanno premuto con insistenza, è innegabile come il pareggio sia arrivato su un episodio. Poco male, la classifica rimane buona (+6 sulla zona calda) e le risposte in termini di compattezza e freschezza sono arrivate un po’ da tutti, con Lopez che ha confermato il 3-5-2 e gli undici oggi titolari, al netto di Pisacane per Andreolli, acciaccatosi a ridosso della gara.

Subito pericoloso con Joao Pedro (tra i migliori assieme a Faragò e Romagna) e Pavoletti (ancora molto disordinato), il Cagliari è calato alla distanza e ha avuto qualche fiammata nei due tempi, trovando il vantaggio prima del riposo con una gemma di Faragò per Joao Pedro. Poteva arrivare il bis (Ionita, Dessena, Pavoletti), ma anche il pari molto prima, e allora va bene così. Testa alla Sampdoria (sabato alle 18 alla Sardegna Arena) in un tour de force contro avversarie molto ostiche fino a metà gennaio.

Nel resto dello sport sardo brilla il dominio schiacciante della Dinamo Sassari su Brindisi, annientata in meno di 10′, mentre l’Olbia e l’Arzachena (Serie C, calcio) raccolgono rispettivamente un punto in casa contro la Lucchese e un KO nella tana della corazzata (capolista) Livorno. Sconfitta che fa rabbia per la Cagliari Dinamo Academy (A2 basket maschile), battuta di misura a Napoli dall’ultima in classifica, in una gara gettata alle ortiche. Sorrisi arrivano dal rugby (doppia vittoria di Alghero e Capoterra in Serie B maschile) e dal San Salvatore Selargius (A2 basket femminile), unica del plotone a regalare soddisfazioni. Menzione importante per Marcello Guidi, bronzo agli Assoluti di nuoto a Riccione nei 1500 stile libero (vasca corta indoor).

di Fabio Frongia

Close