Punti di vista, 18 dicembre 2017

La rubrica sullo sport sardo a cura di Fabio Frongia

Le immagini presenti su www.fotocronache.it sono in vendita per l'uso editoriale di organi e agenzie di stampa: maggiori informazioni a questo link.
Le immagini sono altresì in vendita per uso privato a questo link su www.afoto.it.

Il Cagliari torna con un mix di sensazioni dalla gara di Roma, presentatasi come impossibile e delineatasi come abbordabile, anche se alla fine il pugno rossoblù è pieno di mosche e rimpianti. Per il gol da VAR che risulta decisivo, ma anche per l’incapacità di rendersi pericolosi o comunque ripartire in modo ficcante. Un guaio, vista la sfida di Roma ma soprattutto per il futuro, quando servirà fare di più al fine di vincere partite e migliorare una classifica diventata insidiosa. Dietro vincono tutte o quasi, sono solo 3 i punti di vantaggio sulla zona calda, all’orizzonte quattro sfide (tre in casa) contro Fiorentina, Atalanta, Juventus e Milan che mettono ansia. Anche perché le assenze (contro i Viola out Cigarini più Barella col tutore) pesano, e il calciomercato è vicino ma non vicinissimo. Si vedrà, intanto bene ha fatto Lopez ha non crogiolarsi sull’onore per aver fatto soffrire la Roma, sottolineando alcuni mali di un Cagliari che rende orgogliosi ma ha ancora tanto da fare.

Il resto dello sport sardo vive sulla grande gioia per la vittoria della Cagliari Academy, che tra le mura amiche è quasi infallibile e piega la capolista Casale (solo 2 sconfitte). Serata esaltante, quella di domenica pomeriggio (orario forse più felice per il pubblico, sensibilmente più numeroso), e il gruppo di Paolini continua a crescere e mietere consensi. Inarrestabile la Dinamo Sassari (settima vittoria di fila tra Europa e campionato), che vince d’autorità contro Pistoia e continua a rinsaldare le sue credenziali. Ancora presto per dire dove si potrà arrivare, ma in poco più di un mese il gruppo ha cambiato passo in modo clamoroso. Ora assalto alla qualificazione ai playoff di Champions League e al miglior piazzamento possibile per la Final Eight di Coppa Italia di febbraio.

Nella Serie C di calcio ritrova la vittoria l’Olbia (2-1 interno al Monza), con una prova gagliarda e concreta, mentre l’Arzachena perde ancora, vittima della Giana Erminio: primo tempo orribile, inizio di ripresa splendido con due gol rimontati, quindi il crollo definitivo. E la classifica del girone delle sarde è cortissima, basta un attimo per sognare o per spaventarsi tanto. Weekend da ricordare, in Serie D di calcio, per il Latte Dolce (derby col Lanusei vinto), mentre fanno disastri (o quasi) le altre isolane, sempre più inguaiate. Nel volley femminile sogna Palau, terza in Serie B1 femminile dopo il derby vinto in casa Alfieri. Sorrisi anche dal futsal (vincono Sestu e Ossi, nel derby contro Leonardo) mentre arrivano solo sconfitte dal basket maschile (Sestu in Serie B ) e femminile (poker di KO per San Salvatore Selargius, Virtus e CUS Cagliari, e Mercede Alghero).

di Fabio Frongia

Close