Cronaca

07-02-2018 Cronaca, Andrea Scanzi in Renzusconi

Clicca qui per vedere le immagini.

Gran successo per l’unica data sarda dello spettacolo teatrale “Renzusconi” del giornalista de “Il Fatto Quotidiano” Andrea Scanzi, il 7 febbraio al Teatro Massimo di Cagliari, praticamente tutto esaurito nei suoi 750 posti, nonostante la corta prevendita (circa una decina di giorni).

Pubblico variegato, e per fasce d’età (dai 25enni agli ottuagenari), e per ceto sociale (dagli studenti, passando per politici locali “mimetizzati” nel pubblico, ai liberi professionisti e ai docenti): una fiumana di persone, perlopiù arrivate con il libro omonimo, che ha dato vita allo spettacolo ed è tra i best-seller nelle librerie italiane fisiche e online, sottobraccio e poi autografato dall’autore al termine della serata.

Uno spettacolo di quasi 2 ore quello portato in scena da Scanzi, che domina il proscenio con oratoria e mimica, scandito dagli applausi e dai commenti di approvazione del pubblico: uno spettacolo che parte dal raccontare alcuni fatti di cronaca e li intreccia sapientemente con i dietro le quinte noti agli addetti ai lavori, intessendo così una storia politica nazionale che si ripete in farsa.

Un auditorio perlopiù composto da persone che avevano creduto nei movimentismi di inizio secolo, usati da quei politici fintamente (alla prova dei fatti) impegnati e traditi dagli intellettuali a senso unico, e che ora trova in Scanzi la voce di quella coscienza critica smarrita.

Una pièce leggera e ricercata nella forma ma ficcante nella sostanza, seguendo lo stile proprio dell’aretino, che va a pizzicare le carni nel tentativo di svegliare quelle coscienze narcotizzate da un quarto di secolo legato dalle pastoie dei politicanti.

Uno spettacolo, in definitiva, da non perdere.

di Gianluca Zuddas

Close