Punti di vista, 12 febbraio 2018

La rubrica sullo sport sardo a cura di Fabio Frongia

Le immagini presenti su www.fotocronache.it sono in vendita per l'uso editoriale di organi e agenzie di stampa: maggiori informazioni a questo link.
Le immagini sono altresì in vendita per uso privato a questo link su www.afoto.it.

Il Cagliari torna da Reggio Emilia con un punto d’oro, frutto di una gara brutta e scorbutica, senza spettacolo ma tanta voglia di azzannare il pragmatismo. Missione compiuta, al costo di perdere per infortunio un perno come Cigarini, non a caso reduce da prestazioni ottime e due gol decisivi. Poco male, il Cagliari oggi ha fiducia e solidità, non prende più gol (1 nelle ultime 3, su rigore) e vede lontana la zona pericolosa, perché la Spal continua a perdere. Le due squadre, al “Mapei Stadium” non si sono fatte male, e Lopez aveva dovuto fare a meno di Faragò (annunciato) e Pavoletti (gastrite all’ultimo). Insomma, grasso che cola, anche se si poteva osare un po’ di più, diranno gli esteti.

Ora si va a Verona, sabato contro il Chievo, per un altro scontro diretto che può aiutare a chiudere i conti. Bisognerà valutare gli acciacchi, ma il morale è alto e la voglia di fare altri passi verso la serenità estrema rimane copiosa. Male l’attacco, praticamente mai in luce, a brillare è stata l’organizzazione difensiva nel suo complesso, come già decantato da Lopez alla vigilia, parlando di fase difensiva con l’aiuto di tutti e non di mero rendimento alto dei suoi ex colleghi della retroguardia.

Il resto dello sport sardo vive sulla vittoria, sofferta ma esaltante, della Dinamo Sassari, che regola la Virtus Bologna e si rilancia, senza guardare troppo in là col rischio di scottarsi. Note lietissime dall’Arzachena, che strappa un punto tutto cuore e organizzazione a Monza, continuando la sua clamorosa corsa in zona playoff. L’Olbia, invece, non sa più vincere e fare gol, e così col Pro Piacenza viene fuori uno 0-0 che è brodino caldo buono per tirare a campare.

La Cagliari Academy (A2 di basket maschile) vede continuare la maledizione del Pala Pirastu e cede anche ad Agrigento, dopo che il giovedì calabrese le aveva regalato due punti di platino. In Serie D di calcio si risolleva la Nuorese, che vince un determinante derby contro il San Teodoro, mentre il Lanusei piega l’Anzio. KO Budoni e Tortolì, il Latte Dolce vince all’ultimo tuffo ed è sempre più vicino alla salvezza.

Pesanti le sconfitte di Torres, Caprera e Oristano in Serie B di calcio femminile, dove le sassaresi lottano per salvarsi, mentre le altre due sono staccate in coda. Colpo della Mercede Alghero e tonfi di Virtus Cagliari e Cus Cagliari (A2 di basket femminile), mentre arrivano grandi notizie da futsal e volley maschile: Sestu alle Final Four di Coppa Italia, Sarroch in fuga in Serie B.

Close