Serie A: a che punto siamo?

Le immagini presenti su www.fotocronache.it sono in vendita per l'uso editoriale di organi e agenzie di stampa: maggiori informazioni a questo link.
Le immagini sono altresì in vendita per uso privato a questo link su www.afoto.it.

Anche la 24° giornata del massimo campionato di serie A si è conclusa, con il posticipo tra la Roma e il fanalino di coda Benevento.

Questa giornata ha evidenziato, ancora una volta, il dominio incontrastato delle 2 capofila della classifica, Napoli e Juventus.

La Juve, che aveva anticipato a venerdì la sua gara di campionato, è andata a vincere al Franchi di Firenze, contro una buona Fiorentina. I viola per buona parte della gara hanno fatto soffrire i più quotati avversari, come testimonia il possesso palla del 62%. Il gol dell’ex Federico Bernardeschi ha rotto gli equilibri e il solito Gonzalo Higuain, all’ 86°minuto, ha chiuso la gara permettendo alla Juve, se pur per 24 ore, di andare in testa al campionato.

Il Napoli, chiamato a rispondere alla vittoria, non senza fatica, della Juventus a Firenze, ha giocato un primo tempo sotto tono, subendo il gol dalla Lazio già al 3° minuto (gol di Stefan de Vrij), riuscendo poi a pareggiare grazie a un gol di Josè Maria Callejon al 43° minuto. Nel secondo tempo non c’è stata partita: un’autorete di Wallace e i gol di Mario Rui e Dries Martens hanno sentenziato un rotondo 4-1, permettendo ai partenopei di riprendersi la testa del campionato.

Questi 2 risultati, il 2-0 della Juve a Firenze e il roboante 4-1 del Napoli sulla Lazio, hanno fatto aumentare ancor più il distacco tra le prime 2 del campionato e le inseguitrici. L’Inter, approfittando del passo falso della Lazio a Napoli, si è ripresa la terza posizione grazie al 2-1 sofferto su un buon Bologna. La Roma, che soffre nel primo tempo con il fanalino di coda Benevento, si porta al 4° posto superando i cugini della Lazio, ora quinti.

Scorrendo la classifica, troviamo una bella lotta per la zona Europa League, dove Lazio, Sampdoria, Milan, Atalanta e Torino, si stanno contendendo i 2 posti destinati alla competizione (uno va alla squadra che si aggiudica la coppa Italia). La Lazio, seppur sconfitta al San Paolo per 4-1 è in vantaggio sulle altre contendenti, forte dei 46 punti sinora conquistati. Il Milan, con Ringhio Gattuso, ha ripreso la sua corsa verso le zone alte della classifica e insegue, a distanza di 3 punti, la Samp di Giampaolo, che vince 2-0 sull’Hellas. Il Torino sembra gradire la cura Mazzarri, e vince 2-0 lo scontro diretto con una buona Udinese (da segnalare il ritorno al gol del Gallo Belotti). Fiorentina, Genoa e Bologna godono di una posizione a metà classifica, che al momento, le pone al sicuro dalla zona retrocessione, ma che le vede abbastanza distanziate dalla lotta per l’Europa League.

Per la zona retrocessione, vediamo l’ennesima sconfitta, seppur con onore, del Benevento al cospetto della più quotata Roma. Verona e Spal, che escono sconfitte dai confronti con Sampdoria e Milan, vedono allontanarsi sempre più le concorrenti per la salvezza. Il Crotone pareggia 1-1 con l’Atalanta di Gasperini, mentre il Chievo Verona, in caduta libera, perde in casa 0-1 con il Genoa. Il Sassuolo e il Cagliari, nello 0-0 del lunch match, “decidono” di non farsi male, perché anche un punto in questa fase del campionato aiuta a muovere la classifica e a tenere a distanza le avversarie per la lotta retrocessione.

Un augurio a Luca Cigarini che ieri, uscito dal campo al 25° minuto, si è fratturato il primo cuneiforme del piede destro.

Buon campionato a tutti.

di Enrico Locci

Close