25-05-2018 Finale Nazionale dei Campionati Studenteschi su pista

I risultati degli atleti sardi

Le immagini presenti su www.fotocronache.it sono in vendita per l'uso editoriale di organi e agenzie di stampa: maggiori informazioni a questo link.
Le immagini sono altresì in vendita per uso privato a questo link su www.afoto.it.

Di Gianluca Zuddas

Si conclude con un 5° posto nella classifica maschile e un 6° posto nella classifica femminile il cammino del Liceo Mariano IV D’Arborea ai Campionati Studenteschi su pista 2018, in rappresentanza della Sardegna. Un risultato che pone in evidenza la realtà oristanese e che dovrebbe far riflettere circa l’importanza della rassegna scolastica anche ai fini dell’ambito agonistico.

A livello individuale, due importanti medaglie, una d’argento e una di bronzo di due allievi primo anno, più diversi buoni piazzamenti.

L’argento è di Massimiliano Luiu: l’allievo allenato da Crescenzio Carboni chiude a 1.99, stessa misura dell’oro, ma con una progressione più imprecisa dopo l’1.95 (sin lì Luiu era stato senza macchie): due errori a 1.97 e uno a 1.99. Per Luiu nuovo PB outdoor e PB uguagliato.

Il bronzo è di Simone Fenu: l’allievo allenato da Carlo Piras supera le batterie con 11”03 (+0.8, PB) e si piazza al secondo posto nel riepilogo tempi, con prestazione cronometrica pari al primo classificato; in semifinale, Fenu vince la propria gara con 11”18 (-0.8) ed è terzo nel riepilogo tempi; nella finalissima, Fenu chiude con un buon 11”08 (+1.3).

Medaglia di legno per Virginia Medda: la mezzofondista allenata da Andrea Cabboi è quarta nei 1.000 metri con 2’59”18 (PB). In batteria 3’06”65.

Quinto posto per Leonardo Porcu: per l’oristanese 14”40 (+0.2) sui 110 con ostacoli a 84 cm. In batteria Porcu aveva stampa 14”59 (-0.6), limato in semifinale in 14”53 (vento nullo). Per Porcu nuovo record sardo di categoria.

Stesso piazzamento per Ilaria Meli nel lungo. Ultima nelle qualificazioni con 5.13 (+2.0, PB), l’oristanese si trasforma in finale, atterrando a 5.50 (+1.4). Prestazione non estemporanea, visti altri salti con vento regolare: 5.32, 5.33, 5.24.

Poca fortuna per Ithocor Meloni: a fronte dell’ottimo 2’37”79 (PB) in batteria, che vale anche la seconda prestazione nel riepilogo, in finale Meloni è 10° con 2’43”41.

Altri risultati: Andrea Laconi 6° nel lungo, 6.56 (+2.2); Federica Loi 6° nei 100 hs, 14”92 (+0.4); Antonio Vargiu 7° nell’alto, 1.83; Laconi-Massidda-Vargiu-Zoncu 8° nella 4×100, 45”73; Loddo-Meli-Melis-Aru 9° nella 4×100, 51”26; Felipe Tommasini 10° nel lungo, 6.42 (vento nullo); Matilde Loddo 10° nei 100 metri, 12”87 (+0.2); Luca Zoncu 11° nei 100 metri, 11”57 (-0.2); Sonia Melis 12° nei 400 metri, 59”96; Silvia Aru 12° nei 100 hs, 15”67 (-0.3); Giovanni Cuccu 13° nei 400 metri, 52”77; Francesco Podda 19° nei 1.000 metri, 2’44”66; Sophia Piras19° nei 1.000 metri, 3’22”19; Ivona Kozhobashiovska 19° nel peso, 9.64; Gabriele Zucca 21° nel peso, 10.90; Tobia Seu 23° nel disco, 27.24; Chiara Tola 23° nel peso, 9.33; Melania Meloni 23° nell’alto, 1.35; Daniela Hudita 25° nell’alto, 1.35; Andrea Cocco 29° nei 400 metri; 56”75; Jhonatam Maullu Maddalena Atzeni non classificati nel disco.

Close