28-01-2019 Basket, Si ferma la Dinamo, bene l’Academy. 4° di fila per San Salvatore (vittoria) e Cus Cagliari (sconfitta).

Le immagini presenti su www.fotocronache.it sono in vendita per l'uso editoriale di organi e agenzie di stampa: maggiori informazioni a questo link.
Le immagini sono altresì in vendita per uso privato a questo link su www.afoto.it.

Di Gianluca Zuddas

Serie A1 Maschile – Non arriva la sesta vittoria di fila per la Dinamo Sassari: a Varese il quintetto di coach Esposito subisce una battuta d’arresto con il finale 84-73 per i lombardi. I sassaresi partono male nel primo tempo, chiudendo all’intervallo sotto di 13 (21-14 al primo quarto, 46-33 al termine della seconda frazione). Nella ripresa la Dinamo cerca di rimettersi in carreggiata ma non riesce a recuperare (70-55). L’ultima frazione va invece ai Giganti, ma non basta il 14-18. E sì che dal campo la Dinamo è riuscita ad essere più incisiva di Varese (60 punti contro 59): la vittoria lombarda è arrivata dai liberi, 25 realizzati contro i 13 dei sassaresi, nonostante un numero di falli simile (24 Sassari, 22 Varese). Con questa sconfitta la Dinamo scende al 7° posto con 18 punti, in coabitazione con la Virtus Bologna. Prossimo incontro, al Palaserradimigni, contro Brindisi sopra di 2 punti in classifica.

Basket Serie A1 Maschile 2018-19, Dinamo Sassari. Foto Gianluca Zuddas/Fotocronache.it.

Serie A2 Maschile – Terza vittoria di fila per il quintetto guidato da coach Iacozza. La Dinamo Cagliari batte Ravenna 90-94, facendo un ulteriore, piccolo, ma importante passo verso la salvezza: sono ora 12 i punti in classifica, in attesa che giochino le rivali.

I sardi partono forte: 17-30 al termine della prima frazione, 33-51 al primo tempo. La partita sembra archiviata, ma c’è la reazione d’orgoglio dei padroni di casa, che dominano la terza frazione con un parziale di 29-16. Al termine del terzo quarto la partita è di nuovo riaperta sul punteggio di 62-67. È il momento più difficile per i sardi che devono stringere i denti nell’ultimo quarto e ci riescono: nella quarta frazione regalano solo un punto (parziale 28-27) per il 90-94.

Le statistiche di squadra vedono una mediocre percentuale da 2 punti (17/41 per il 41%), mentre è ottima la percentuale da 3 punti con il 61% (14/23); alto il numero delle palle perse (18 contro le 10 di Ravenna). A livello individuale ottima prestazione di Anthony Miles con 30 punti (5 da 2, 5 triple, 5 dalla lunetta) e di Roberto Rullo con 26 punti (2 da 2, 6 triple, 4 dalla lunetta).

Serie A2 Femminile – E sono 4 le vittorie di fila del San Salvatore Selargius. Contro Athena Roma il quintetto di coach Staico chiude il referto 79-52, ma il punteggio non racconta che in parte l’andamento della gara. Il primo tempo infatti è un continuo tentativo di fuga da parte delle sarde ma le romane ribattono colpo su colpo. Al di là del punteggio al tabellone, l’impressione dal parquet è quella di un migliore gioco da parte delle selargine, vanificato però dai continui cambi di gioco in verticale delle romane, brave a concretizzare in misura superiore al gioco mostrato. Le giallonere vanno all’intervallo sul punteggio di 36-32, ma le cose cambiano drasticamente al rientro sul parquet: il terzo quarto è da manuale, con un 25-5 parziale che non ammette repliche. L’ultima frazione è di controllo totale, sino al 79-52 finale. 

26-01-2019 Basket A2 femminile, Selargius, San Salvatore Selargius vs Athena Roma. Foto Gianluca Zuddas/Fotocronache.it. Nella foto: Gagliano

In campo è sfida tra le due lunghe di Selargius: stavolta “vince” Cicic, autrice di 16 punti (4 triple) e 17 rimbalzi; Brunetti si deve “accontentare” di 16 punti e 10 rimbalzi. Doppia doppia anche per Arioli: 13 punti e 11 assist. in doppia cifra anche Manfrè (12 punti) e Lussu (11 punti). La classifica vede il San Salvatore in 7° posizione con 20 punti. Piccola chicca statistica: il saldo canestri torna positivo, 1.133 punti fatti con 1.131 subiti. Prossimo appuntamento in trasferta a Pistoia contro Nico Basket.

Sono invece 4 le sconfitte consecutive per il Cus Cagliari di coach Xaxa. Stavolta la sconfitta arriva fuori casa contro Umbertide per 64-59, dopo la vittoria casalinga dell’andata. Match dall’andamento altalenante: Umbertide si porta in testa all’incontro sino a metà primo quarto, quando subisce il ritorno del Cus, che si aggiudica la frazione per 11-15; il vantaggio delle sarde si protrae sino a metà del secondo quarto, sino alla rimonta delle padrone di casa, che vanno all’intervallo lungo con +6 di vantaggio (32-26); nella terza frazione, Umbertide arriva anche a +10, per poi cedere alle ospiti che, grazie ad un corposo break (10-20 il parziale), tornano in testa alla gara (42-46 alla fine del terzo quarto); le cagliaritane partono forte, arrivano a +8 al 33’ e la partita sembra finita, invece Umbertide trova un break da 8-0 e torna in pareggio al 35’; il Cus non ci sta e si riporta in vantaggio di 3 al 36’; di qui in poi break decisivo di Umbertide che con 2 triple e 2 doppie va a +7. L’incontro termina 64-59 e il Cus resta 10° in classifica a 12 punti. Le statistiche di squadra mostrano un mediocre 17% al tiro da 3 punti e le solite lacune al rimbalzo (37-24 per Umbertide). A livello individuale la migliore è Favento con 14 punti e 9 rimbalzi, seguono Kotnis con 17 punti e Striulli con 13 punti e 10 falli subiti. Prossimo incontro in casa contro La Spezia per cercare di smuovere di nuovo la classifica.

Close